Avvisi - Chiesa Taoista d'Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Avvisi

Attività

Taoismo, taoismo, Tao, Daoismo, daoismo, Dao, yin yang, wu xing, bagua. La Chiesa Taoista d'Italia promuove il Taoismo (Daoismo) seguendo il Tao (Dao), per i taoisti.

"Giornata dell’Umiltà"- 20-21 maggio 2016


(English version below)


Il Taoismo è una religione che pone al centro della sua riflessione la Persona Umana.
Prima di proporre una teologia si preoccupa di fornire un’antropologia perché è impossibile realizzare i valori spirituali se prima non siamo in armonia con noi stessi e con il nostro prossimo.

Il Dao De Jing, il Classico del Tao e del suo Carisma, dedica molti salmi al vivere in armonia.
In particolare il salmo 67 indica i "Tre Tesori" che ogni taoista dovrebbe seguire nel suo agire:

In verità, io possiedo tre tesori che mi tengo ben stretti e difendo:
il primo è detto Compassione, il secondo è detto Frugalità, il terzo è detto Umiltà (non considerarti il primo al mondo)
La Compassione, mi fa essere Coraggioso, la Frugalità, mi fa essere Generoso, il Non osare di considerarmi il primo al mondo, mi consente di Realizzare me stesso e perdurare.
Oggi, l’uomo rifiuta la compassione ma pretende di essere coraggioso; rifiuta la frugalità, ma pretende di essere generoso; rifiuta l’Umiltà, ma pretende di stare davanti a tutti.
Questo è la sua fine certa!

(Dao De Jing cap. 67)


È evidente che questi sono valori universali, alla base di tutte le religioni e di ogni comunità umana, non solo del Taoismo.
È nostra convinzione che se la Compassione, la Frugalità e l’Umiltà, diventassero parte sostanziale della cultura, potremo sperare di costruire una società umana, vivibile e sostenibile.

In quest’ottica, la Chiesa Taoista d’Italia ha indetto un programma triennale per promuovere questi Valori nella Società civile.
Il 2016
è dedicato all’Umiltà che vedrà il suo massimo impegno il 20 e 21 maggio.
Due giornate di incontri, dialoghi e preghiera comune.

L’Umiltà come Valore


La nostra società è in crisi di valori e di senso perché essa persegue un’ideologia del "pieno" relegando il "valore persona" a un ruolo marginale.
Travolti da questo vortice, il cui perno è l’adeguamento ai modelli socio-economici etero indotti principalmente da enclave finanziarie, tutti gli altri valori, che rendono l’umanità umana, passano in secondo ordine se non addirittura dimenticati. Questo è riferito in particolare alla coppia naturale, alla famiglia, alla società solidale con i più poveri e più deboli, all’essere disponibili e aperti agli altri, alla spiritualità e alla religione.

Il Taoismo, da parte sua, propone una cultura del "vuoto".

Il non apprezzare i beni difficili da ottenere,  fa sì che il popolo non rubi.

(Daode Jing, cap. 3)


Solo svuotandoci degli interessi materiali, possiamo riempirci di amore per gli altri e forza spirituale per noi stessi.

Per farlo dobbiamo prima guarire da due malattie che affliggono l’umanità:
l’orgoglio di essere e l’onnipotenza di avere.
La cura è l’Umiltà, intesa come consapevolezza dei propri limiti e possibilità.
L’umiltà è un movimento "orizzontale", interagendo alla pari con gli altri e non "verticale", determinato dall’egocentrismo e dall’ansia di emergere a discapito degli altri.
La persona umile riconosce e accetta la sua finitezza umana, sa che nessuno è un’isola indipendente. Per questa ragione dà valore e afferma a se stessa ma riconosce anche pari dignità e si pone al servizio degli altri per il Bene di tutti gli esseri.

L’Umiltà è peraltro la condizione essenziale per la realizzazione spirituale.

Infatti solo chi "non osa essere il primo sotto al cielo", avrà la possibilità di accedere al piano divino, il cui sostegno non gli mancherà mai.

Sii umile verso il mondo e l’eterno potere non ti lascerà mai.
Sii un esempio per il mondo e l’eterno potere non ti mancherà mai.
Sii aperto al mondo e l’eterno potere ti aiuterà sempre.

(Daode Jing, cap. 28)


Dunque, se vogliamo costruire una vera società umana, non va incentivato l’interesse verso il superfluo materiale.

Il non apprezzare i beni difficili da ottenere fa sì che il popolo non rubi.
Il non ostentare niente che possa essere desiderato fa sì che la mente non sia confusa.

(Daode Jing, cap. 3)


Non basta promuovere l’accoglienza e l’aiuto reciproco, il vivere in pace tutti insieme, nel rispetto e accettazione delle diversità e tutti gli altri buoni propositi a parole.

Le belle parole possono essere vendute

(Daode Jing, cap. 62)


Possiamo farlo se, tra i Valori che danno Senso al nostro agire, mettiamo al primo posto quelli spirituali.

Se la spiritualità diventa un valore primario, essa condizionerà tutti gli altri, dalla salvaguardia dell’ambiente, di cui siamo solo ospiti temporanei, fino ad arrivare al rispetto e alla protezione della persona umana.

Possiamo realizzarlo solo se c’è l’unità d’intenti tra le Religioni, le sane Istituzioni civili e le singole persone.

Per questa ragione il nostro invito a partecipare a questo evento è esteso a tutti.
L’esperienza e l’azione di ciascuno è un bene prezioso ma solo se viene condiviso con gli altri.
La nostra speranza è che le coscienze, grazie all’umiltà, possano parlare la stessa lingua e guardare nella medesima direzione, per il Bene dell’Umanità.

Insieme si può!

___________________________________________________________________

"Humility Day" – 20-21 May 2016


Taoism is a religion that puts at the center of his reflection the Human Person.
Before proposing a theology it is concerned to provide anthropology because it is impossible to achieve spiritual values first if we are not in harmony with ourselves and with our neighbor.

The Dao De Jing, the Classic of the Tao and its Charisma, dedicates many psalms to live in harmony. Especially the chapter 67 indicates the "Three Treasures" that any Taoist should follow in his behavior:

In truth, I possess three treasures which I hold tight and defend:
the first is said compassion, the second is said Frugality, the third is said Humility (not consider yourself the first under heaven)
Compassion makes me be Brave, the Frugality, let me be generous, the not dare to consider myself the first under heaven, it allows me to realize myself and persistence.
Now, the person refuses compassion but pretends to be brave; refuses frugality, but pretends to be generous; refuses Humility, but want to stay in front of everyone.
This is his certain end!

(Dao De Jing chap. 67)


Clearly these are universal values, at the base of all religions and of every human community, not only of Taoism.
It is our belief that if Compassion, Frugality and Humility, become substantial part of the culture, we can hope to build a human society, livable and sustainable.

In this light, the Taoist Church of Italy has launched a three-year program to promote these values in the civil society.
The year 2016
is dedicated to Humility which will see its full commitment on 20 and 21 May.
Two days of meetings, dialogues and common prayer.

Humility as Value


Our society is in a crisis of values and meaning because it pursues an ideology of "full" relegating the value "person" to a marginal role.
Overwhelmed by this vortex, whose pivot is the adaptation to socio-economic models hetero induced mainly by financial enclave, all the other values, that make the humanity human, take a back order if not forgotten.
This refers in particular to the natural couple, the family, the society of solidarity with the poorest and most vulnerable, being available and open to others, to spirituality and religion.

Taoism, for its part, proposes a "culture of emptiness."

The not appreciate goods difficult to obtain, it means that the people do not steal.

(Daode Jing, ch. 3)


Only by emptying ourselves of material interests, we can fill us with love for others and spiritual strength for ourselves.

To do this we must first recover from two diseases that afflict humanity:
the pride of being and omnipotence to have.
The cure is humility, understood as awareness of one's limitations and possibilities.
Humility is a horizontal "movement", interacting on a par with the others and not "vertical", resulted from egocentrism and anxiety to emerge and to the detriment of others.
The humble person recognizes and accepts his human finiteness, knows that no one is an independent island. For this reason it gives value and affirms itself but also recognizes equal dignity and is at the service of others for the good of all beings.

Humility is also the essential condition for spiritual self-realization.

In fact, only those who "dare not be the first under heaven", will have the opportunity to access the divine plan, whose support never fail them.

Be humble towards the world and the eternal power will never leave you.
Be an example to the world and the eternal power will never miss.
Be open to the world and the eternal power will always help.

(Daode Jing, chap. 28)


Therefore, if we want to build a real human society, it should not be encouraged interest in the superfluous material.

The not appreciate goods difficult to obtain, it means that the people do not steal.
The do not flaunt anything that could be desired, it means that the mind is not confused.

(Daode Jing, ch. 3)


It is not enough to encourage the reception and mutual aid, to live in peace together, in respect and acceptance of diversity, as well as all other good intentions by words.

Beautiful words can be sold.

(Daode Jing, chap. 62)


We can do this if, among the values that give meaning to our behavior, we put first the spiritual ones.

If spirituality becomes a primary value, it affects all the other, from the protection of the environment, where we are only temporary guests, up to the respect and protection of the human person.

We can achieve it only if there is unity of purpose between Religions, healthy civil institutions and individuals.

For this reason our invitation to participate in this event is extended to all.
The experience and the action of each is a valuable asset, but only if it is shared with others.
Our hope is that the consciences, thanks to humility, can speak the same language and look in the same direction, for the whole Humanity Well.

Together we can!


AVVISO

Il Campus estivo è aperto tutti.

Per ragioni organizzative, può partecipare solo chi si è iscritto tramite il modulo di partecipazione che trovate a fondo pagina.

Modulo di partecipazione








 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu